Beer Hunters

…Dio salvi la birra!

Weizenbier

Il termine Weizenbier significa in lingua tedesca “birra di frumento”, ma è anche in uso, soprattutto in Baviera il termine Weißbier o Weissbier (“birra bianca”). Il bicchiere in cui vengono servite (tipicamente da 0,5l) è caratteristico e non si usa mai il classico boccale da birra ma uno particolarmente alto, largo alla bocca, stretto ai fianchi e leggermente più largo alla base.
E’ una tipologia di birra ad alta fermentazione ed è anche l’unico caso in cui la Reinheitsgebot (la legge tedesca di purezza) permette l’utilizzo di un cerale diverso dall’orzo (inteso maltato) anche se ormai non ha piu’ valore legale, ma i tedeschi tendono comunque ad applicarla. Infatti le Weizen/Weiß/Weiss sono birre la cui ricetta prevede -oltre al malto d’orzo- una percentuale non fissa (questa e’ una delle differenze tra le Weizen tedesche e le Blanche belghe) di grani duri, cioè non maltati, di frumento, che conferiscono un sapore piu’ o meno asprigno alla birra. All’aumentare del frumento aumenta la sensazione asprigna della birra.
Un’altra particolarità di questo tipo di birra sono le unità di amaro, le Weizen, infatti, sono una delle tipologie meno amare.

Le principali varianti sono:

– Hefeweizen: la versione “pura”, una bionda torbida in cui il lievito in sospensione non viene filtrato (Hefe significa appunto “lievito”).
– Kristallweizen: la birra viene filtrata, conferendole un colore più cristallino; è spesso servita con una fetta di limone e talvolta chicchi di riso.
– Dunkelweizen: è la versione come birra scura (dunkel in tedesco).
– Weizenstarkbier: è la variante con maggior contenuto alcolico.
– Weizenbock: variante fermentata con la tecnica bock.
– Leichtes Weizen: versione leggera, con un ridotto contenuto alcolico.

Le Weizen/Hefeweizen sono torbide perche’ ci sono i lieviti in sospensione. (Le birre rifermentate in bottiglia o in fusto son quelle cui viene aggiunto il lievito che continua a lavorare). Le Kristallklar invece sono state filtrate.
Dalla miscela di malto dipende anche il colore: se vengono usati malti piu’ scuri, cioè più essiccati, la birra diventa piu’ scura ottenendo in questo caso le Dunkelweissen.

Silvio Carnicelli

Annunci

No comments yet»

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...