Beer Hunters

…Dio salvi la birra!

Birra – Rochefort 10

Nome: Rochefort 10
Nazione: Belgio
Gradazione: 11,3% Vol.

La Rochefort 10 è la più forte delle tre Rochefort prodotte dalla Brasserie de Rochefort (le altre due sono la Rochefort 6 e la Rochefort 8), la quale, sul rigoroso stile trappista inserisce alcuni caratteri tipici di una Strong Ale e la densità e la complessità di un Barley Wine. La Rochefort 10 ricopre il 30% della produzione della Brasserie. Annoverata tra le migliori birre del mondo, si presenta con un colore molto scuro ed impenetrabile, sormontata da un cappuccio di schiuma color caffè abbondante e compatto. L’aroma è sorprendente, molto articolato e persistente, colpisce con note di malto, cioccolato e frutta, esalta il naso e lo stuzzica, invogliando da subito a prenderne un sorso. Al palato si presenta con un corpo morbido e ben strutturato, e l’alta gradazione alcolica non ne ostacola la bevibilità. Lentamente si sprigionano tutti i sapori, i quali, ben bilanciati tra loro ed articolati in modo da non sovrapporsi, avvolgono completamente la bocca ed esaltano ogni singolo gusto. Si distinguono, oltre a varie spezie, caramello e liquirizia, anche dei toni fruttati, primo fra tutti, quello di prugna secca, ed un accenno di liquore, il quale conferisce un “caldo tepore” alla birra. Sono proprio tutti questi gusti, insieme al malto, a conferire un sapore iniziale fresco, il quale diventa amarognolo e secco nel finale, lasciando un retrogusto persistente e piacevole.
Non è una birra “facile”, personalmente la sconsiglio a chi si è da poco avvicinato al mondo della birra o a chi vuole assaggiare qualcosa di nuovo, senza aver prima “allenato” palato e naso a gusti ed aromi particolari. E’ però un “must” per ogni intenditore del genere, è una birra eccezionale che non delude e non stanca mai.
Da bere assolutamente a temperatura di cantina (12°-14°), per cogliere al meglio tutti gli straordinari sapori, è perfetta per accompagnare taglieri di formaggi, o in completa “solitudine”, per degustarla al meglio.

Cenno storico:
Brassata per la prima volta negli anni 50 quando veniva chiamata “Merveille”.

“Riempimi di Rochefort, riempimi di amore!” (n.d.r.)

Scheda degustativa Rochefort 10.

Recensione a cura di: Silvio Carnicelli

Annunci

No comments yet»

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...